Comunicato Ufficiale Hollister Incorporated - Aggiornamento sul COVID-19 e sulla fornitura dei prodotti Scopri di più

Rimani a casa. Rimani connesso.

come mantenere una relazione personale e lo spazio personale.

 

Tutto insieme. Sempre.

Quando una crisi sanitaria ti tiene a casa, stare sempre insieme al tuo partner può essere una fonte di stress, oltre che di comfort.

Per qualcuno lavorare da casa non è insolito. Ma adesso molti di noi hanno partner che lavorano da casa e bambini che frequentano la scuola a distanza. La maggior parte di noi non è abituata a trascorrere tutto il giorno nello stesso luogo con il proprio partner e ci vuole un po' di tempo per abituarsi.

La guida di sopravvivenza per rimanere a casa:

Parlare
Iniziate ad anticipare le difficoltà e parlatene prima di innervosirvi a vicenda. È molto più semplice lavorare come una squadra quando entrambi cercate soluzioni insieme

Creare spazio
È probabile che almeno uno di voi abbia bisogno di spazio. Considerate l'esercizio fisico separato all'esterno. Potrebbe essere una bella notizia per il cane che farà il doppio delle passeggiate

Riconoscere la rabbia
Se si genera tensione, cerca di non essere reattivo e di allontanarti semplicemente dalla situazione. Aspetta di discutere l'accaduto in un secondo momento, in modo pacato e senza criticismo.

Ricapitolare ogni giorno
Ritagliate del tempo ogni giorno per parlare di ciò che funziona e cosa no. Evitate discussioni, cercate di vedere il lato divertente, siate gentili ed esprimete gratitudine. Più che mai, possiamo tutti essere grati per la nostra salute.

Trovare il tempo per l'intimità
Presupponendo che nessuno di voi sia malato e completamente autoisolato, cercate di trovare il tempo per il divertimento e l'intimità.

 


Questi suggerimenti sulla cura personale vengono forniti da Sue Lennon, un'infermiera di tutto rispetto, terapista, educatrice e coach con quasi tre decenni di esperienza nell'assistenza infermieristica nel reparto oncologico, inclusa l'urologia e la cura degli stomi. Ha una passione per la comunicazione infermiere-paziente e per la comprensione dell'esperienza di malattia vissuta al fine di fornire un'assistenza veramente olistica; inoltre, è una frequente relatrice in occasione di workshop e conferenze internazionali.